COVID-19: FASE 2 – UN MESE DOPO

Non ci sembra vero ma è già passato un mese (sì! Sì! Avete letto bene è già passato un mese!) dal fatidico 4 maggio 2020 quando timidamente abbiamo riaperto le nostre attività. Da quel giorno sono entrate nel nostro lessico quotidiano parole che fino a qualche tempo fa non usavamo o se le usavamo erano riferite a cose sentite dire o comunque a noi distanti.

PROTOCOLLI, SANIFICAZIONE, DISTANZIAMENTO, DROPLET, CONTINGENTAMENTO…

Nell’ultimo mese è cambiato qualcosa? Devono essere apportate delle modifiche a quanto fatto fino ad ora? Fondamentalmente non è cambiato nulla (o molto poco) ed è proprio per questo motivo che Eco Sistemi Srl ritiene fondamentale mantere alta la vostra (e la nostra!) attenzione sulla gestione dei protocolli aziendali per il contenimento della pandemia COVID19.

Come avrete notato questa informativa è scritta in un modo completamenter diverso dalle altre che fino ad ora vi abbiamo inviato; è nostra intenzione accompagnarvi in questo percorso, pertanto abbiamo pensato di parlarvi come si parla come ad un compagno di viaggio a cui si indica la direzione giusta da seguire.

Di seguito riportiamo un elenco di cose che devono già essere state fatte e che dovete continuare a fare per rispettare le disposizioni di legge e il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali (di cui all’allegato 12 del DPCM 17/05/2020).

Potete utilizzare il seguente elenco come guida per verificare la vostra situazione aziendale ed eventualmente apportare modifiche alle procedure messe in atto fino ad ora.

N.A. identifica un’ attività non applicabile alla realtà aziendale.

1. E’ stato applicato il protocollo di riferimento per le attività svolte? No N.A.
2. Tutti i lavoratori sono stati informati circa le disposizioni delle Autorità? No N.A.
3. Chiunque entri in azienda viene informasto circa le disposizioni delle Autorità? No N.A.
4. Sono stati affissi all’ingresso e nei luoghi maggiormente visibili  dei  locali  aziendali,  appositi depliants informativi? No N.A.
5. Al personale che presenta una temperatura corpoea superiore a 37,5°C viene inibito l’ingresso in azienda ?(N.B. non è previsto l’obbligo della misurazione della temperatura corporea in azienda; i lavoratori devono sapere che se hanno la temperatura corporea superiore a 37,5° non devono recarsi al lavoro) No N.A.
6. Sono state individuate procedure per l’accesso di fornitori  esterni? No N.A.
7. È stato individuato un servizio igienico  dedicato al personale esterno? oppure È stato inibito l’uso dei servizi igienici al personale esterno? No N.A.
8. È stato ridotto, per quanto possibile,  l’accesso  ai  visitatori? No N.A.
9. È grantita la pulizia giornaliera e l’igienizzazione periodica dei locali, degli ambienti,

delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago? (l’attività può essere svolta anche direttamente dall’azienda)

No N.A.
10. Sono disponibili idonei mezzi detergenti per le mani (soluzione idroalcolica)? No N.A.
11. Sono disponibili mascherine ed eventuali altri dispositivi  di protezione per tutti gli addetti? No N.A.
12. L’accesso agli spazi comuni, comprese le mense aziendali, le aree fumatori e gli spogliatoi è contingentato? No N.A.
13. Agli accessi degli spazi comuni comprese le mense aziendali, le aree fumatori e gli spogliatoi sono stati installati cartelli riportanti il numero massimo di persone che possono accedere ai locali? No N.A.
14. All’interno degli spazi comprese le mense aziendali, le aree fumatori e gli spogliatoi è presente un numero di sedute coerente con il numero massimo di persone autorizzate all’accesso? No N.A.
15. È garantita l’igienizzazione periodica e la pulizia giornaliera degli spogliatoi e dei servizi igienici? No N.A.
16. È garantita l’igienizzazione periodica e la pulizia giornaliera, dei locali mensa, delle tastiere dei distributori di bevande e snack? No N.A.
17. Se necessario sono stati rimodulati gli spazi di lavoro in modo tale da garantire il distanziamento? Oppure sono state installate barriere di protezione? No N.A.
18. Se possibile sono stati scaglionati gli orari di inizio e fine lavoro? No N.A.
19. Se possibile sono state differenziate le porte di ingresso e le porte di uscita? No N.A.
20. Gli spostamenti all’interno dell’azienda sono stati limitati al minimo indispensabile? No N.A.
21. È stata definita una procedura per la gestione di una persona sintomatica in azienda? No N.A.
22. Il medico competente è stato coinvolto nella gestione del protocollo? No N.A.
23 È stato costituito in azienda un Comitato per  l’applicazione e la verifica delle regole  del protocollo di regolamentazione con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del RLS ? No N.A.
24 Sono periodicamente igienizzati gli impianti di condizionamento e trattamento aria? No N.A.
25 E’ stato effettuato il coordinamento con aziende appaltatrici per le gestione dell’epidemia’ No N.A.

Se avete risposto SÌ a tutte le domande state rispettando quanto definito dai protocolli di contenimento della pandemia COVID19. Continuate così e monitorate la situazione costantemente.

Se avete risposto NO a qualche domanda è necessario che gli aspetti vengano approfonditi e deve essere apportata una modifica immediatamente alle procedure messe in atto.

Siamo a vostra completa disposizione per eventuali chiarimenti o integrazioni.

Vi ricordiamo che il nostro staff è disponibile per la redazione di protocolli di contenimento della Pandemia COVID 19.

Nel link di seguito è possibile scaricare una serie di cartelli che potrete utilizzare per rendere immediata e la comunicazione in merito alle disposizioni aziendali.

Adobe_PDF_file_icon_32x32 Cartellonistica COVID-19