PROROGA DEGLI ADEMPIMENTI AMBIENTALI

Il D.L. 17.03.2020 pubblicato in Gazzetta Ufficiale proroga i termini per diverse scadenze ambientali.

Nello specifico, all’art. 113, detta il rinvio al 30 giugno 2020 di:

  1. presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) di cui all’articolo 6, comma 2, della legge 25 gennaio 1994, n. 70;
  2. presentazione della comunicazione annuale dei dati relativi alle pile e accumulatori immessi sul mercato nazionale nell’anno precedente, di cui all’articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 20 novembre 2008, n. 188, nonché trasmissione dei dati relativi alla raccolta ed al riciclaggio dei rifiuti di pile ed accumulatori portatili, industriali e per veicoli ai sensi dell’articolo 17, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 20 novembre 2008, n. 188;
  3. presentazione al Centro di Coordinamento della comunicazione di cui all’articolo 33, comma 2, del decreto legislativo n. 14 marzo 2014, n. 49;
  4. versamento del diritto annuale di iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali di cui all’articolo 24, comma 4, del decreto 3 giugno 2014, n. 120.

Rimangono al momento in scadenza al 30 aprile i diritti annuali ARPAE per gli impianti di gestione che effettuano il recupero dei rifiuti.