EMERGENZA CORONAVIRUS: DISPOSIZIONI TEMPORALI PER LA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI AIA E AUA

Le misure adottate dal Governo e dalla Regione Emilia-Romagna per fare fronte all’emergenza da COVID-19, hanno disposto limitazioni o sospensioni di attività che riguardano direttamente o indirettamente tutti i settori, comportando necessariamente un significativo e diffuso impatto sulla possibilità di organizzazione del lavoro delle attività produttive, sulla disponibilità del personale, sui rapporti con clienti e fornitori.

Tale situazione straordinaria crea difficoltà nel rispettare scadenze imposte da adempimenti previsti nelle autorizzazioni ambientali AIA ed AUA regionali nonché nel Regolamento Regionale 3/2017, a seguito dell’impossibilità in molte situazioni di assicurare da parte di professionisti esterni alle aziende gli accessi e le operazioni necessarie a permettere tali adempimenti.

Pertanto la Giunta della Regione Emilia Romagna in data 16 marzo 2020 con la Delibera Num. 21, ha determinato le “Disposizioni per la gestione di differimento dei termini temporali di taluni adempimenti previsti nelle autorizzazioni A.I.A. ed A.U.A.”, ritenendo opportuno procedere a fornire indicazioni operative relativamente ai problemi riscontrati con le scadenze previste nelle AIA, nelle AUA e dal Regolamento Regionale 3/2017 nel periodo decorrente dal 23 febbraio fino al termine del periodo di validità delle misure restrittive.

La Delibera prevede che “nel periodo in cui valgono le misure restrittive e si verifichino circostanze che impediscono all’azienda il rispetto dei termini previsti dall’autorizzazione, il gestore ne dia comunicazione alla SAC competente preferibilmente entro il giorno precedente alla scadenza, indicando una nuova data entro la quale si ritiene sarà possibile adempiere a quanto disposto dal provvedimento e/o a presentare la documentazione prevista”. Le modalità di comunicazione sono da ricercarsi nella Delibera (punti a), b), c), d), e) alle pagg. 7-8) di cui sotto di riporta il link.

Inoltre per garantire il corretto svolgimento degli adempimenti, sono stati fissati i seguenti termini temporali massimi per la realizzazione degli stessi, decorrenti dalla data di cessazione dell’efficacia delle limitazioni disposte con i provvedimenti di cui sopra e con eventuali successivi provvedimenti di conferma degli stessi:

  1. 60 giorni nel caso di campionamenti (autocontrolli)
  2. 90 giorni nel caso di attivazione di impianti;
  3. 30 giorni nel caso di presentazione di documentazione legata a riesami, relazioni, elaborazione dati e redazioni di Piani (vedi PUA);

Si rimanda alla lettura completa della Delibera scaricabile al link sotto riportato

Adobe_PDF_file_icon_32x32 Scarica la delibera n. 211 del 16/03/2020