È stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna n. 79 del 20.03.2019, la Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2019, n. 311 relativa alle modifiche intervenute con L.R. n. 14/2018 e le linee guida contenute nella delibera n. 342/2004, riguardo ai criteri e alle modalità per l’organizzazione dei corsi di formazione e aggiornamento in materia di igiene degli alimenti per gli alimentaristi.

Il suddetto aggiornamento ha provveduto a stabilire le linee guida relative alla attività formativa rivolta al personale alimentarista definendo in particolare criteri, contenuti e modalità di organizzazione e accesso ai corsi di formazione e di aggiornamento. Vengono definiti in particolare i soggetti che possono erogare la formazione e le modalità con cui possono essere attivati sia i corsi di formazione di base che quelli di aggiornamento, affidando la gestione di tale aggiornamento direttamente agli operatori del settore alimentare.

Pertanto la formazione alimentaristi sarà così suddivisa.

  • Attuazione del corso base di formazione da parte dei Dipartimenti di Sanità Pubblica: i Dipartimenti di Sanità Pubblica competenti per territorio erogano esclusivamente il corso base di formazione, con frequenza almeno mensile, previa corresponsione di una tariffa la cui determinazione viene demandata, su proposta della Giunta regionale, all’Assemblea legislativa. Il corso base è rivolto ai soggetti che richiedono per la prima volta l’attestato di formazione ed ha la durata complessiva di 3 ore. L’attestato di avvenuta formazione viene rilasciato dal Dipartimento di Sanità Pubblica che ha gestito il Corso base di Formazione ai soggetti che risultano avere soddisfatto l’obbligo della frequenza e superato con esito soddisfacente il questionario di apprendimento finale del corso stesso.
  • Aggiornamento periodico della formazione: Il personale alimentarista è tenuto ad effettuare almeno un aggiornamento, rispettivamente triennale o quinquennale in base al livello di rischio lavorativo, in materia di igiene della produzione alimentare, della durata minima di tre ore. Tale aggiornamento è gestito tramite associazioni di categoria del settore, enti di formazione e non più dai Dipartimenti di Sanità Pubblica.

I corsi dovranno avere una durata minima di tre ore e prevedere un test finale di apprendimento.

Di seguito elenco delle attività con le relative scadenze di aggiornamento della formazione:

A) Livello 2 con validità dell’attestato di formazione di tre anni
Cuochi (ristorazione collettiva, scolastica, aziendale, centri di produzione pasti, ristoranti e affini, rosticcerie);
Pasticceri;
Gelatai (produzione);
Addetti alle gastronomie (produzione e vendita);
Addetti alla produzione di pasta fresca;
Addetti alla lavorazione del latte e dei formaggi, esclusi addetti alla stagionatura e mungitori;
Addetti alla macellazione, sezionamento, lavorazione, trasformazione e vendita (con laboratorio cibi pronti) delle carni, del pesce e dei molluschi;
Addetti alla produzione di ovoprodotti (escluso imballaggio).
B) Livello 1 con validità dell’attestato di formazione di cinque anni
Baristi (ad esclusione della sola somministrazione di bevande);
Fornai e addetti alla produzione di pizze, piadine e analoghi;
Addetti alla vendita di alimenti sfusi e deperibili, esclusi gli ortofrutticoli;
Addetti alla lavorazione di ortofrutticoli quarta gamma;
Personale addetto alla somministrazione/porzionamento dei pasti nelle strutture scolastiche e socio-assistenziali.

Eco Sistemi Srl si mette a disposizione per assistere i propri clienti nella fase formativa di aggiornamento.

Provvederà pertanto ad organizzare i suddetti corsi tramite personale qualificato come previsto dalla Legge Regionale.

Adobe_PDF_file_icon_32x32 Scarica la Delibera della Giunta Regionale 4 marzo 2019, n. 311